“Anna sta mentendo”: Baccomo racconta le insidie della comunicazione digitale

28 giugno 2017

Anna sta mentendo, ultimo romanzo dello scrittore e sceneggiatore milanese Federico Baccomo (Giunti, € 17), è un viaggio nel mondo fluido e insidioso della comunicazione digitale.

Riccardo, 30 anni, lavora alla Dedala, società che si occupa di ricerche umane applicate a tantissimi campi, e frequenta una collega di lavoro che gli sta facendo dimenticare il tradimento e l’abbandono da parte della sua ex compagna. Chattando su whatsapp, si imbatte nella nuova app WhatsTrue, che permette di capire se una persona sta mentendo.

Da quel momento l’uomo comincia una specie di gioco pericoloso, in cui mette alla prova la sincerità di chi gli sta attorno, cercando compulsivamente di smascherare ipocriti e bugiardi. Si avvicenderanno sorprese, conferme, dubbi e qualche dispiacere che brucia, in un’altalena di emozioni e riflessioni che tengono il lettore incollato alle pagine di questo libro originale e contemporaneo, che oscilla tra il romanzo e il thriller psicologico.

La madre, in particolare, sembra nascondere a Riccardo un terribile segreto… Quale? E perché lo fa? La verità verrà alla luce nel finale, decisamente spiazzante, di una storia che sembra già pronta per la trasposizione cinematografica.

Eleonora Molisani @emolisani