9 gennaio 2017

Golden Globes 2017: i 5 momenti più belli della serata

Ieri notte al Beverly Hilton Hotel si sono svolti gli attesissimi Golden Globes Awards 2017, primo appuntamento della grande stagione delle premiazioni e dei red carpet e “anticamera” degli  ambiti Oscar (previsti il 26 febbraio). Presentati da un impeccabile e brillante Jimmy Fellon, i Golden Globes ci hanno regalato molti momenti davvero emozionanti. Ecco i 5 da non dimenticare:

1) La super vittoria di “La La Land”
Ben 7 premi su 7 candidature per la pellicola diretta dal giovane e talentuoso Damien Chazelle! Il musical, presentato a Venezia lo scorso settembre e nelle sale italiane dal 26 gennaio, si conferma IL film da non perdere nei prossimi mesi.
Migliori attori protagonisti, Emma Stone (al primo Globe) e Ryan Gosling, migliore sceneggiatore e miglior regista, migliore film brillante, migliore colonna sonora e migliore canzone, “City of Stars“, le ambite statuette vinte e che consegnano a “La La Land” il record di film con più vittorie nella storia dei Golden Globes.

2) Il discorso “anti Trump” di Meryl Streep
L’attrice americana si conferma la donna forte e di carattere che tutti abbiamo imparato ad amare, oltre alle sue splendide interpretazioni. Al momento di ritirare il premio alla carriera, Meryl ha parlato di politica e del Presidente Donald Trump, ricordando un episodio in cui il neo eletto aveva imitato e preso in giro un giornalista disabile che l’aveva criticato: «Mi ha spezzato il cuore quando l’ho visto, e non riesco a togliermelo dalla testa perché non era in un film, era la vita vera. E questo istinto di umiliare l’altro, quando è impersonato da qualcuno con una visibilità pubblica, qualcuno di potente, arriva nella vita di tutti quanti, perché autorizza altri a comportarsi nello stesso modo. La mancanza di rispetto causa altra mancanza di rispetto, la violenza incita altra violenza, e quando i potenti usano la loro posizione per maltrattare gli altri, perdiamo tutti quanti». Infine un accenno al ruolo dell’artista e un omaggio all’amica Carrie FisherCome mi disse una volta la mia amica, la principessa Leila: “Prendi il tuo cuore spezzato, fallo diventare arte”. [in inglese: “Take your broken heart, make it into art”]».

3) Il discorso super romantico di Ryan Gosling
Ben altro tono per lo speech dell’attore di origini canadesi, Miglior Attore Protagonista per “La La Land“. Gosling ha ringraziato la donna della sua vita, la moglie Eva Mendes, assente dalla cerimonia per rimanere con le due bimbe della coppia, Esmeralda (2 anni) e Amada (8 mesi): «Mentre io suonavo il piano e cantavo, la mia donna stava crescendo nostra figlia, era incinta della seconda e provava ad aiutare suo fratello a sconfiggere il cancro. Tesoro mio, ti ringrazio». Insomma, Ryan si è nuovamente dimostrato il marito ideale che tutte sognano!

4) Il ritorno in grande stile di Blake Lively sul red carpet
A tre mesi dalla nascita della piccola Ines, Blake fa il suo grande ritorno sul tappeto rosso accanto al marito Ryan Reynolds. Che fosse in forma strepitosa dopo il parto lo sapevamo già (era presente alla cerimonia per la stella sulla Walk of Fame di Ryan a dicembre), ma i Golden Globe sono i Golden Globes! L’abito nero con dettagli “cut out” e tasche firmato Atelier Versace l’ha consacrata tra le più belle del red carpet, complice, diciamolo, anche il sorriso radioso e innamorato!

5) Il bacio tra Ryan Reynolds e Andrew Garfiled
Vince il premio “momento più divertente della serata” il bacio di consolazione tra Ryan Reynolds e Andrew Garfield. Mentre l’altro Ryan (Gosling) ritirava la statuetta di Miglior Attore Protagonista, i due, entrambi in nomination, decidevano di sdrammatizzare il momento con un bacio solidale. La reazione della moglie di Ryan, Blake? Semplice, è scoppiata a ridere!