Beato Angelico, la nuova monografia prodotta dalla farmaceutica Menarini

16 September 2019

Giovanni da Fiesole, al secolo Guido di Pietro, detto il Beato Angelico o Fra’ Angelico, fu un pittore italiano beatificato da papa Giovanni Paolo II il 3 ottobre 1982, anche se già dopo la sua morte era stato chiamato Beato Angelico sia per l’emozionante religiosità di tutte le sue opere che per le sue personali doti di umanità e umiltà. Fu Giorgio Vasari, ne Le vite ad aggiungere al suo nome l’aggettivo “Angelico”, usato in precedenza da fra Domenico da Corella e da Cristoforo Landino.

È dedicata a Beato Angelico, Santo patrono degli artisti, la monografia pubblicata dalla Menarini, Gruppo farmaceutico con sede a Firenze, presente oggi in 136 paesi al mondo, che conta più di 17.600 dipendenti, con 7 centri di Ricerca e Sviluppo, in linea con l’attività di sostegno dell’azienda ad attività artistiche e culturali. Il volume è stato presentato a Firenze, sabato 21 e domenica 22 settembre, dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike D. Schmidt insieme all’autore Renzo Villa e alla direttrice del Museo di San Marco Marilena Tamassia.

Menarini quindi ha impreziosito la sua storica collana d’arte a Beato Angelico. Frate domenicano e pittore rinascimentale, Beato Angelico realizzò gran parte delle sue opere, caratterizzate dai colori splendenti e dai tratti delicati, a Firenze, nel convento di San Marco. E proprio a pochi passi dal luogo in cui il frate artista ha vissuto che Menarini ha voluto presentare la monografia a lui dedicata.
Il 22 settembre, nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università degli Studi di Firenze. Beato Angelico è uno dei pittori più importanti e poetici del Quattrocento. Il soprannome con cui è conosciuto descrive perfettamente la dolcezza ultraterrena che connota il suo stile; è un bene che la sua opera e la sua figura siano diffusi al grande pubblico in questo volume appositamente realizzato. È una pubblicazione che esce a pochi giorni di distanza dalla chiusura della spettacolare mostra sul pittore tenutasi al museo del Prado, densa di novità. Proprio a Firenze sorge il museo di San Marco, uno spazio che è stato la casa del Beato Angelico e che accoglie la maggior parte dei suoi capolavori. 

 Con il volume su Beato Angelico Menarini rinnova una storica tradizione artistica e trova conferma anche nel progetto multimediale Menarini Pills of Art, che ha l’obiettivo di avvicinare i giovani all’arte. Sul sito Menarini vengono pubblicate, in ben sette lingue, delle brevi video pillole in cui gli esperti d’arte mostrano e raccontano le curiosità delle grandi opere presenti nelle monografie.

Ma la presentazione del volume è stata anche l’occasione per la Menarini di rendere noto il nuovo  amministratore delegato Elcin Barker Ergun (in foto) un’entrata che corona un percorso di rafforzamento della governance iniziato qualche anno fa con l’obiettivo di rendere l’azienda più internazionale e accelerare la sua crescita.

Cinzia Cinque