Rita Ora volontaria per l’NHS contro il Coronavirus

29 Maggio 2020

Rita Ora, la sorella Elisa e la mamma Vera Sahatciu, psichiatra ed ex medico di famiglia a Londra, si sono rimboccate le maniche per fronteggiare il Covid-19 che sta colpendo duramente la Gran Bretagna

 

Mia madre è la mia super eroina. Parole di Rita Ora. L’attrice e pop star britannica di origine albanese ha rivelato al settimanale Hello che la mamma, Vera Sahatciu (55 anni), psichiatra ed ex medico di famiglia a Londra, ha deciso di lavorare in ospedale per aiutare nella lotta al Coronavirus.

La pandemia sta infatti colpendo sempre piĂą duramente la Gran Bretagna (anche il primo ministro Boris Johnson è ricoverato in terapia intensiva). Anche Rita Ora (29) e la sorella maggiore Elisa (31) faranno la loro parte. Le due si sono iscritte come volontarie dell’NHS, il servizio sanitario nazionale britannico.

I loro compiti? L’attrice e pop star ha spiegato che come tanti altri volontari anche lei si occuperĂ  di consegnare forniture mediche, ritirare le prescrizioni dei farmaci e portarli alle persone anziane e piĂą vulnerabili che non possono assolutamente uscire di casa e aiutarli nelle piccole necessitĂ  quotidiane.

Non è la prima volta che la cantante dĂ  una mano nella lotta contro il Covid. Con un annuncio sul suo account Instagram da 16 milioni e 200mila follower, ha lanciato una capsule collection a sostegno della Fondazione delle Nazioni Unite e dell’Organizzazione Mondiale della SanitĂ .

Si tratta du una linea di t-shirt, felpe e cappellini da baseball con la scritta #StopTheSpread e il disegno di un virus schiacciato dal simbolo della pace.

View this post on Instagram

Covid-19 is impacting the world in a way none of us could have imagined. Over the last few months we have watched this virus spread throughout the world not quite understanding its impact. I think by now we all understand that this is something that is having and will continue to have devastating effects on everyone. We all have a part to play in helping to stop the spread. Thinking about what I can do to try and help, I reached out to Sir Bob Geldof for advice on how best to make any kind of difference. Bob was beyond gracious, as of course he has been the master of mobilising young people all his life. The first idea was to design a symbol to remind us all that we have a battle to fight together. After working on this symbol, I sent it to the @UNFoundation, who helped set up the COVID-19 Solidarity Response Fund for the World Health Organisation @WHO. I started discussing with them how we could work together, to encourage people to unite to combat as much as we can the spread of this virus. There are simple things we can all do to make a difference. To create as much awareness as we can, we are launching this symbol and an instruction page to offer some guidance from, and with support of the WHO. We have made available some simple merchandise with all proceeds going directly to the COVID-19 Solidarity Response Fund. We would love you to buy whatever you can afford or make a small donation, but I wanted you to know that if that is not possible for you even sharing or posting the symbol will help. Please – Stop the Spread. Play Your Part! I love you, Rita x

A post shared by RITA ORA (@ritaora) on

Tutto il ricavato sarĂ  devoluto ai progetti di solidarietĂ  Covid-19 che spaziano dal sostegno al personale sanitario alla ricerca di un vaccino contro il virus.

Rita Ora, testimonial della campagna #IoRestoACasa, si prepara adesso a seguire l’esempio materno e a lasciare la sicurezza dell’isolamento per dare una mano. Tale madre, tale figlia.

Di Maria Chiara Locatelli